LE RICOMPENSE DI DIO

Ho parlato ampiamente dell’ego negli articoli precedenti. Se ti sei perso gli articoli e ti fa piacere indagare su questo argomento che tanto ti riguarda, puoi andare a dare un occhiata e farti un idea di cosa esso sia e di come sia dannoso per te.

L’ego non può riconoscere la reale fonte di “minaccia”, e se ti identifichi con esso non comprendi in che situazione ti trovi. Solo se ti allei al tuo ego, quindi alla tua personalità e a tutto ciò che ne consegue, permetti che esso governi la tua esistenza. Ho parlato dell’ego come se fosse una cosa separata da te, che agisce per conto proprio. Questo è necessario per farti capire che non te ne puoi liberare facilmente, e devi renderti conto di quanto i tuoi pensieri siano diretti dall’ego. L’ego non è nient’altro che una parte di ciò che credi di te stesso. L’altra parte di vita dove l’ego non ha capacità di decisione, prosegue indisturbata, ed è stata e sarà sempre totalmente in pace nonostante i tuoi tentativi di rinnegare la tua Sorgente Divina.

Mentre impari a sfuggire alle illusioni, una cosa che non devi mai dimenticare è il tuo debito con tuo fratello, perché è lo stesso debito che hai con Gesù. Per ogni azione egoistica rivolta ad ognuno dei tuoi fratelli (inteso come il prossimo) , stai gettando via la misericordia del tuo indebitamento e la santa percezione che quell’evento avrebbe potuto produrti.

Nel mio blog divulgo l’ insegnamento Cristico e la mia guida ovviamente è Gesù e tu hai ancora pochissima fiducia in Esso, ma cresce se ti rivolgi sempre più spesso a lui per essere guidato, invece che dal tuo ego. I risultati ti convinceranno sempre di più che questa è l’unica scelta sana che tu possa fare. Tutti coloro che imparano dall’esperienza che una scelta porta pace e gioia mentre l’altra porta al caos e al disastro, non hanno bisogno di ulteriore argomentazioni di convincimento.

Imparare attraverso le ricompense è più efficace che imparare attraverso il dolore, perché il dolore è un’illusione dell’ego, e non può generare altro che un effetto temporaneo. Le ricompense di Dio, invece, sono immediatamente riconosciute come eterne. Siccome questo riconoscimento nasce da te e non dall’ego, il riconoscimento stesso stabilisce che tu ed il tuo ego non potete essere uguali. Tu puoi credere di avere già accettato e riconosciuto questa differenza, ma non ne sei ancora del tutto convinto. Il problema è che tu pensi di dover sfuggire dal tuo ego, ma tu di fatto non puoi sfuggire da esso umiliandolo, controllandolo e punendolo.

Nello scorso articolo L’ILLUSIONE DELL’EGO E DEL CORPO ho spiegato che l’ego e lo spirito non si conoscono. La mente separata non può mantenere tale separazione se non dissociandosi, e avendolo fatto, essa nega ogni impulso veramente naturale, non perché l’ego sia una cosa separata, ma perché sei tu che vuoi credere di essere separato. L’ego è solamente uno strumento per mantenere questa credenza, ma ricorda che è sempre tua la decisione di continuare a credere a questa narrazione.

Come si può insegnare a qualcuno il valore di qualcosa che ha volutamente buttato via? Perché è chiaro che deve averla buttata via in quanto non aveva valore. Si può solo mostrare quanto sia penoso il vivere senza di essa, e lentamente farlo avvicinare cosi che possa imparare come la sue pene diminuiscano man mano che le si avvicina. Questo gli insegna ad associare la sua miserevolezza alla sua assenza, e quindi la gioia e la pienezza alla sua presenza. Gradualmente essa diventa desiderabile quando egli cambia la sua mente riguardo al suo valore.

Le Ricompense di Dio-

Stiamo imparando attraverso gli insegnamenti di Gesù ad associare la miserevolezza all’ego e la gioia allo spirito, perché di fatto nel corso della tua vita terrena ti sei insegnato l’opposto. Sei ancora libero di scegliere, ma puoi veramente volere le ricompense dell’ego in presenza delle ricompense di Dio? Gesù ci dice che la fiducia che hai in te è maggiore in questo momento della tua fiducia che hai in lui, ma non sarà sempre così.

La tua missione nel mondo è molto semplice. Ti viene chiesto di vivere in modo tale da dimostrare di non essere un ego.

Gesù si è fatto carne ed ha compiuto la sua parte come uomo, e ora vuole completare la liberazione divina attraverso altri. La gratitudine verso i tuoi fratelli è l’unico dono che vuole ricevere. Se sei grato a tuo fratello, sei grato a Dio per ciò che ha creato. Solamente attraverso la gratitudine arrivi a conoscere tuo fratello, e un solo momento di reale riconoscimento rende tutti tuoi fratelli, perché ciascuno di essi è del Padre tuo.

L’amore non conquista tutte le cose, ma sistema tutte le cose in modo giusto.

Tu sei del Regno di Dio, e anche se non lo riconosci adesso, sappi che esso è sempre li. Quando ti avvicini a un fratello ti accosti a Dio, e quando ti allontani da esso ti allontani da Dio. La Salvezza è un’impresa collaborativa, non può essere intrapresa con successo da coloro che si disimpegnano nei confronti del prossimo, perché equivale a disimpegnarsi dal Padre. Dio verrà da te solo finché Lo offrirai ai tuoi fratelli. Impara prima sui tuoi fratelli e solo allora sarai pronto ad udire la voce di Dio. Questo perché la funzione dell’amore è una sola.

Insegnamenti tratti da Un Corso in Miracoli

 

 

NON C’è OSCURITà IN NESSUNA PARTE DEL REGNO,
MA IL TUO RUOLO è SOLO DI NON PERMETTERE ALL’OSCURITà DI DIMORARE NELLA GTUA MENTE.

Pubblicato da Amoreuniversale

Non c'è oscurità in nessuna parte del Regno, ma il tuo ruolo è solo di non permettere all'oscurità di dimorare nella tua mente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: